TORTONA - Un dibattito politico sul futuro del centrosinistra

26.09.2012 13:33

TORTONA. Le primarie e la stesura di un programma come base di partenza per il centrosinistra del futuro a Tortona, ma senza precipitare tempi e modi. La Festa Democratica è stato anche un serbatoio.

TORTONA. Le primarie e la stesura di un programma come base di partenza per il centrosinistra del futuro a Tortona, ma senza precipitare tempi e modi. La Festa Democratica è stato anche un serbatoio di confronti tra i segretari dei partiti “che non governano Tortona”, come si sono definiti, in maniera relativa ma comprensibile. Non c'è ancora sul tappeto un progetto di alleanze e candidature. Il segretario Pd Alessandro Torlasco ha detto: «Il Pd, nei tempi e modi necessari, si candida ad essere la guida di una coalizione che abbia la capacità di governare la città e di raccogliere le intelligenze». Per Gianluca Chiesa (Psi) “I partiti sono fondamentali e bisogna ridare loro forza per fornire supporto e confronto all'amministrazione”, posizione condivisa anche da Moreno Falco, segretario di Sel. Roberto Davico (Udc) ha sottolineato: «Occorre più unità tra i consiglieri comunali, consapevoli dell'impegno e dell'importanza di scegliere democraticamente».